Struttura del Tribunale

Il Tribunale Ordinario di Roma, che fa parte del Distretto della Corte d’Appello di Roma, dopo l’accorpamento della Sezione distaccata di Ostia con decorrenza dal 13 settembre 2013, è costituito dalla sola Sede Centrale. I servizi sono dislocati in più edifici, anche distanti tra loro. Gli uffici della Presidenza e della Dirigenza del Tribunale hanno sede in Piazzale Clodio, con accesso da Via Golametto 11. Le sezioni e gli uffici del Settore Civile hanno sede negli edifici di Viale Giulio Cesare 54 e 54/b, Via Lepanto 4, Via Damiata 12 e Viale delle Milizie 3/e. Le sezioni e gli uffici del Settore Lavoro hanno sede negli edifici di Via Lepanto 4 e di Viale Giulio Cesare 54. Le sezioni e gli uffici del Settore Penale hanno sede in Piazzale Clodio, con accesso da Via Golametto 11.

In materia civile:

  • area della famiglia e dei diritti della personalità (Prima Sezione Civile);
  • area minori e tutele (Prima Sezione Civile Bis);
  • area della pubblica amministrazione (Seconda Sezione Civile);
  • area del diritto societario (Terza Sezione Civile);
  • area delle esecuzioni mobiliari ed immobiliari (Quarta Sezione Civile);
  • area dei diritti reali (Quinta, Sesta e Settima Sezione Civile);
  • area del diritto del mercato (Ottava, Nona, Decima e Undicesima Sezione Civile);
  • area della responsabilità extracontrattuale (Dodicesima e Tredicesima Sezione Civile);
  • area del lavoro (Prima, Seconda, Terza e Quarta Sezione Lavoro);
  • area del diritto fallimentare (Sezione Fallimentare);
  • area del Tribunale delle Imprese (Terza e Nona Sezione);
  • sezione specializzata agraria;
  • collegio per la decisioni in tema di ricusazioni;
  • sezione specializzata per le impugnazioni avverso le deliberazioni del C. N. dei Biologi;
  • sezione specializzata per le impugnazioni avverso le deliberazioni del C. N. degli Agrotecnici;
  • collegio per le controversie relative al trattamento dei dati personali;
  • collegio per i reclami avverso le deliberazioni del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti;

In materia penale:

  • 11 sezioni dibattimentali ordinarie  distinte, quanto alla competenza collegiale,  in:
    • Area soggetti deboli: reati a sfondo sessuale, reati in materia d’immigrazione clandestina e reati in materia di prostituzione. Reati di competenza DDA.  Ne fanno parte la  Sezione Prima e  la   Sezione  Quinta.
    • Area reati  contro la Pubblica Amministrazione. Reati di competenza DDA. Ne fanno parte la Sezione Seconda e  la Sezione Ottava.
    • Area patrimonio: reati di usura, estorsione, riciclaggio ed associazione per delinquere di cui all’art. 416 c.p., a sua volta non caratterizzata da ulteriori elementi specializzanti. Reati di competenza DDA. Ne fanno parte la Sezione Settima e la Sezione Decima.
    • Area reati economici: reati di criminalità economica,  reati tributari,  reati societari e reati fallimentari. Reati di competenza DDA.  Ne fanno parte la  Sezione Quarta, la Sezione Sesta e  la  Sezione Nona.
    • Area misure cautelari e prevenzione: competenza esclusiva per il Riesame, gli Appelli in materia di misure cautelari e le   Misure di Prevenzione. Ne fanno parte la Sezione Terza  e  la  Sezione Terza Bis.
  • 6 Corti Di Assise: reati di competenza della Corte di Assise;
  • 1 sezione G.I.P./G.U.P. ;
  • 1 Collegio Per I Reati Ministeriali, avente le competenze previste dalla legge costituzionale 16.1.1989, n. 1.